Sismabonus e valorizzazione edilizia - eStructura

Vai ai contenuti

Sismabonus e valorizzazione edilizia

Interventi di valorizzazione edilizia
L'art.7 del Decreto Crescita del 23/04/2019 prevede misure finalizzate alla valorizzazione edilizia che uniti alle detrazioni previste dal sismabonus e ecobonus rendono particolarmente vantaggiosi gli interventi di permuta tra vecchi edifici e immobili con caratteristiche energetiche e sismiche completamente rinnovate, quale strumento indispensabile per avviare un reale processo di rigenerazione urbana. In particolare sino  al  31  dicembre  2021,  per  i  trasferimenti  di  interi  fabbricati,  a  favore  di imprese  di  costruzione  o  di ristrutturazione  immobiliare  che,  entro  i  successivi  dieci  anni,  provvedano  alla  demolizione  e  ricostruzione degli stessi, in chiave antisismica e con il conseguimento della classe energetica A o B, anche con variazione volumetrica  rispetto  al  fabbricato  preesistenteove consentita  dalle  vigenti norme  urbanistiche,  nonché all’alienazione degli stessi, si applicano l’imposta di registro e le imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa  di euro  duecento ciascuna.
Incentivare  fiscalmente  queste  operazioni  potrebbe,  infatti,  innescare  un  circolo virtuoso di scambi immobiliari diretti a prodotti sempre più innovativi e performanti. Tuttavia,  l’attuale  regime  fiscale  prevedeva l’applicazione  dell’imposta  di  registro  pari  al  9%  del  valore dell’immobile dichiarato in atto, più le ipotecarie e catastali complessivamente pari a 100 euro. Si tratta di imposte indetraibili per l’impresa che, come tali, incidono fortemente sui costi di costruzione. E’, quindi, evidente  la  necessità  di neutralizzare  l’incidenza  della  variabile  fiscale  nella fase  iniziale  e  propedeutica all’attuazione dei programmi Pertanto, allo scopo di rendere economicamente sostenibile le operazioni di scambio del vecchio con il nuovo fabbricato e una effettiva rigenerazione del territorio che passa solo con gli interventi di sostituzione edilizia, dovrebbe  essere  garantito  un  regime  di  tassazione  agevolata  all’impresa  che  si  rendesse  disponibile  ad acquistare,  anche  in  permuta,  interi  stabili  condominiali,  a  condizione  di  demolirli  e  ricostruirli  (anche  con variazione di sagoma e volumetria urbanisticamente consentite) e reimmetterli sul mercato con caratteristiche energetiche e strutturali decisamente migliorate rispetto alla situazione preesistente. Per questo, con la norma acclusa, s’intende introdurre, in via temporanea sino al 31 dicembre 2021, un regime di tassazione agevolata, consistente nell’applicazione delle imposte di registro, ipotecarie e catastali in misura fissa (200 euro ciascuna,  per un importo complessivo di 600 euro), ai trasferimenti di fabbricati, acquisiti da imprese  di costruzione  o di ristrutturazione immobiliare  che, entro i successivi 10 anni, provvedano alla loro demolizione  e  ricostruzione  in  chiave  energetica e  antisismica, anche  con  variazione  volumetrica,  e  alla  loro successiva vendita.







eStructura ti accompagna nella valutazione della sicurezza sismica del tuo immobile e nella definizione delle migliori strategie di intervento per renderlo antisismico, accedendo agli incentivi e alle detrazioni previste dal Sismabonus ed Ecobonus. Contattataci per avere chiarimenti  e per la formulazione di un preventivo tramite il nostro form o inviandoci una mail a sismabonus@estructura.it.




Tip



Sei un amministratore di condominio, il titolare di un capannone industriale, di una clinica, di un albergo, di una scuola o di una qualsiasi attività produttiva?
VUOI UN PREVENTIVO GRATUITO
per la valutazione del rischio sismico dell'immobile nel quale risiede la tua attività?
Compila il form a lato e verrai ricontattato.


Torna ai contenuti